Excite

Arredamento vintage: le poltrone più esclusive

Quando parliamo di moda o arredamento vintage, ci riferiamo ad oggetti ideati almeno venti anni prima del periodo attuale.

Sono davvero numerose le persone che adorano questa riscoperta del passato e interi periodi storici vengono portati alla ribalta, anche se spesso sono solo alcuni complementi a diventare oggetto di culto: nel complesso di un arredamento vintage, ad esempio, le poltrone rappresentano spesso il suo pezzo forte.

Poltrone vintage: design e prezzi

Le poltrone Chesterfields

Il marchio nacque nel XVII secolo e il nome trae origine dalla cittadina inglese nella quale fu prodotto il primo divano. Questi modelli hanno riscosso un tale successo, anche nel secolo scorso, da farli diventare dei classici intramontabili e molto imitati. Le poltrone Chesterfields, così come i divani, sono piuttosto imponenti, lussuose e reali, delle caratteristiche che non le rendono adeguate a tutti gli ambienti, in quanto sono necessari spazi ampi per accoglierle adeguatamente.

Gli elementi che le contraddistinguono sono:

  • la medesima altezza di schienale e braccioli;
  • rivestimento in pelle con lavorazione capitonné, rifinita con bottoni.

Nelle poltrone “Club” lo schienale, oltre ad essere basso è anche avvolgente e le misure esterne sono:

larghezza - 105 cm;

altezza - 70 cm;

profondità - 90 cm

Si possono acquistare bellissime poltrone Chesterfields “Club” del ‘900 in vera pelle e nei colori bordeaux, verde e cuoio inglese al prezzo di circa 600,00 €.

A questo modello potrebbe essere abbinata un’altra antica e raffinata poltrona dalle caratteristiche diverse.

Si tratta della Chesterfields “Queen Anne” che presenta la medesima lavorazione capitonné sullo schienale, il quale però in questo caso è alto, avvolgente e con i bordi laterali lisci e svasati verso l’esterno.

Le dimensioni sono:

larghezza - 78 cm;

altezza - 102 cm;

profondità - 87 cm.

Il prezzo per una poltrona Chesterfields “Queen Anne” perfettamente integra è di circa 630,00 €.

Poltrone Frau

L’azienda fu fondata nel 1912 e da quel momento iniziò la produzione di modelli che sono diventati dei veri e propri simboli per gli amanti dell’arredamento vintage.

Tra le poltrone Frau, il modello 904 realizzato nel 1930, è divenuto l’archetipo della poltrona moderna, tanto che oggi viene replicato dall’azienda con la poltrona Vanity Fair. Il design è uguale:forma bombata dello schienale e dei braccioli, rifiniti da una lunga fila di chiodini rivestiti in pelle. L’imbottitura del cuscino della seduta è in piuma d’oca, mentre per il resto della poltrona si utilizza crine vegetale o crine gommato.I piedini in faggio sono color noce scuro e mentre per il rivestimento in pura pelle Frau si può verificare la disponibilità dei colori, oltre al bianco e al rosso, solo rivolgendosi al proprio rivenditore di fiducia. Le misure della poltrona Vanity Fair sono:

larghezza - 94 cm;

profondità - 91 cm;

altezza - 99 cm;

altezza seduta - 48 cm.

Il prezzo è di circa 4.200 €.

Poltrone Play

La ditta Play realizzò negli anni ’70 numerosi modelli con linee eccentriche e materiali innovativi, perfettamente in linea con il gusto estetico di quei tempi.Tra le poltrone Play, un modello molto ricercato ha la forma bombata con lo schienale basso che nella zona posteriore è rivestito in acciaio satinato, nonostante la struttura interna sia in legno. Il rivestimento originale è in velluto plissettato, mentre i colori che si riescono a reperire più facilmente sono il blu e il nero; in quest’ultimo caso, però, il rivestimento posteriore è dorato.

Le dimensioni di queste poltrone dalla seduta molto confortevole sono:

larghezza - 100 cm;

profondità - 96 cm;

altezza - 78 cm;

Una coppia di poltrone della ditta Play in perfetto stile anni ’70 come queste appena descritte e in ottime condizioni, si può acquistare al prezzo di circa 1600 €.

Adeguare il vintage alle nostre reali esigenze

Ogni arredamento vintage ha le sue poltrone simbolo, ma prima di sceglierle sarebbe opportuno valutare se nel nostro studio o salotto, avranno un ruolo puramente decorativo oppure se verranno utilizzate giornalmente. Nel primo caso, infatti, la scelta potrà orientarsi senza problemi anche su una poltrona stravagante o piuttosto scomoda a causa delle sue linee rigide.

In caso contrario bisognerà trovare una via di mezzo tra la voglia di vintage e la necessità di acquistare una poltrona comoda e robusta; quest’ultima caratteristica andrà accuratamente verificata, nel caso in cui si decida di orientarsi sul mercato dell’usato.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017