Excite

Come arredare una casa piccola: idee

Molti di noi, per necessità o per scelta, abitano in appartamenti di limitate dimensioni. Riuscire ad ottenere un ambiente funzionale in case con superfici che vanno dai 40 ai 60 metri quadrati, oggi, non solo è possibile, ma, grazie all’inventiva di designers, arredatori e, perché no, della fantasia di chi le abiterà, può essere anche bello e divertente. Da molte parti si possono avere indicazioni su come arredare una casa piccola, idee che vanno filtrate ed elaborate secondo il gusto, la sensibilità e le necessità di chi dovrà “viverle”.

Gli ambienti indispensabili che servono in una casa per viverci comodamente sono essenzialmente il soggiorno, la camera, la cucina e il bagno. Quest’ultimo ambiente, per legge, si deve avere una stanza apposita richiudibile contenente vasca da bagno o doccia, lavabo, vaso e bidet le cui dimensioni minime, in taluni casi, non possono essere inferiori a 3.5 metri quadrati.

Puo' essere utile, invece, che gli altri ambienti siano accorpati in un’unica stanza. Eliminare le pareti divisorie, per molti addetti ai lavori, è un'ottima idea. Infatti, grazie a ciò, si può avere a disposizione un ambiente relativamente grande e certamente più luminoso di quello che possono essere due o tre piccole stanze. Sicuramente, inoltre, si recupera la superficie che occuperebbero le pareti. Quindi, anziché soggiorno, cucina e camera, la soluzione di una grande stanza multifunzionale è spesso preferita, soprattutto dai giovani.

Sui testi che hanno come argomento come arredare una casa piccola, le idee per questa stanza utilizzata per più scopi non mancano. Naturalmente la scelta dei mobili è fondamentale.

In una stanza multifunzionale la presenza di un letto che rimanga tale anche di giorno non è sicuramente una scelta intelligente. Per evitare questo ci sono interessanti soluzioni, alcune delle quali piuttosto comuni. Ad esempio, il letto, durante il giorno, diventa il divano principale della casa. Un’alternativa interessante è il letto a scomparsa. Incernierato alla parete, si può sollevare verticalmente tramite leveraggi con contrappesi che rendono l’operazione agevole e, in posizione verticale, può scomparire all’interno di un vano indistinguibile da un armadio.

A proposito di armadi, è consigliabile che questi siano su misura, e che prendano tutta una parete sia in larghezza, ma, soprattutto, in altezza, in modo da sfruttare la parte più in alto con contenitori spesso non presenti negli armadi “normali”. Come detto precedentemente, questi armadi possono inglobare il letto a scomparsa.

Se la casa ha una altezza sufficiente, è pensabile la costruzione di un soppalco. L’altezza minima deve essere 2.10 metri per ogni piano, quindi la stanza deve avere un’altezza superiore o uguale a 4.20 metri più lo spessore del pavimento del soppalco. Per legge il soppalco non può essere di area maggiore del 30% dell’intera stanza soppalcata. Sul soppalco è pensabile prevedere la zona notte, e, per aumentare il volume delle armadiature, è utile considerare un letto con contenitore. Il letto, in questo caso, può essere sempre presente, e nel contenitore ricavato nella struttura sottostante il materasso si possono riporre, ad esempio, coperte e lenzuola.Nel caso di soppalco o di casa a 2 piani, è bene sfruttare le zone sotto la scala, indispensabile per raggiungere il piano superiore, per usi come libreria e/o scrivania per il computer.

La zona cucina, per forza di dimensioni ridotte, è bene sia dello stesso stile delle armadiature del soggiorno. Esistono anche cucine “richiudibili” nell’armadio stesso. Una soluzione più originale consiste nell’utilizzo di cucine appositamente progettate per piccoli spazi, costituite da un monoblocco con dentro tutto quello che serve. In questo caso possono essere interessanti anche strutture non identiche alle altre armadiature, anzi, ben distinte e caratterizzate. Sono le cosiddette “cucine monoblocco".

Per quanto riguarda i tavoli, è consigliabile utilizzare un tavolo da pranzo di dimensioni ridotte che però, all’occorrenza, possa essere allungato per ospitare amici e parenti.

Poiché è notorio che i colori scuri tendono a “stringere”, nelle piccole case sono molto consigliati per pareti, pavimenti e mobili tinte chiare, magari anche di colore vivace, in qualche caso, ma non tinte scure.

I prezzi

Abbiamo visto alcuni consigli generali su come arredare una casa piccola. Le idee non mancano, e anche i mobilieri con le loro realizzazioni vengono incontro a queste esigenze.

In primo piano vediamo Ikea, ad esempio con i suoi numerosi letti con contenitore disponibili a catalogo a prezzi che vanno da circa 160 euro a 490 euro. Anche per i divani letto Ikea è piuttosto fornita, con modelli che vanno da circa 170 euro (LYCKSELE LÖVÅS) a 449 euro (VILASUND/ MATTARP).

Da Clei, azienda specializzata in letti armadio, troviamo il divano al quale è collegato, dietro lo schienale, un armadio contenente il letto. Tutto questo è disponibile a prezzi poco superiori ai 3.000 euro.

Per le cucine, oltre alle classiche strutture modulari combinabili a piacimento, troviamo le “cucine monoblocco”, contenenti tutti gli elementi che servono per fare una cucina completa in un unico involucro. Per questi elementi si parte da circa 950 euro in su.

Per i tavoli non c’è che l’imbarazzo della scelta. Si va dagli 80 euro necessari per BJURSTA (Ikea) a prezzi dexcisamente piu' consistenti.

L’interessante soluzione del soppalco presenta spese piuttosto sensibili. Diciamo che un soppalco in legno da 30 mq può costare circa 8.000 euro, ma, probabilmente, se si può, ne vale la pena.

living.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017