Excite

Come potare le ortensie in estate?

Il nome botanico delle Ortensie sarebbe Hydrangea. Evidentemente, quello che gli diede il naturalista Philibert Commerson, per celebrare una signora (sposata) che lui ammirava, è stato più gradito perché tutti oggi chiamano questa bella pianta dalle grandi infiorescenze Ortensia. Essendo una pianta di tipo arbustivo (e in qualche caso rampicante), per controllare la sua crescita occorrono periodiche potature delle quali parleremo in questo articolo, in particolare vedremo come potare le ortensie in estate, in primavera o in autunno.

Dipende dal tipo di ortensia

Le Ortensie sono un tipo di pianta originaria dell’oriente, Cina e Giappone in particolare. Furono introdotta in Europa attorno al 1700. Il loro aspetto, per alcuni, ha suggerito il nome botanico, derivato da Hydra, figura mitologica di serpente a sette teste. Per altri Hydrangea deriva dalle parole greche hydros (acqua) e angeion, che significa vaso.

Come anticipato, per evitare che il loro sviluppo possa diventare disordinato e invadere altre parti del giardino, e per favorire una abbondante fioritura è bene effettuare periodiche potature. Poiché esistono oltre 80 varietà di ortensie, le regole della potatura potranno non essere uguali per tutte.

Considereremo prima il caso delle ortensie che fioriscono sui rami “nuovi”. Si tratta, ad esempio, della Hydrangea arborescens e della Hydrangea paniculata.Diciamo subito che per questa tipologia di ortensie, l’estate non è il periodo migliore per la potatura. Infatti, è consigliato caldamente di potarle in autunno, alla fine del periodo vegetativo. In alcuni casi si possono potare anche in primavera, fino all’inizio dell’estate.Poiché queste piante sviluppano le loro infiorescenze sui rami nuovi, è bene potare le ortensie tagliando i rami che nell’anno in corso hanno prodotto fiori, a circa 30 cm dal suolo, pochi centimetri sopra una coppia di gemme dalle quali si svilupperanno i nuovi rami l’anno successivo. Il taglio dei rami vecchi favorisce la crescita di quelli nuovi e quindi una abbondante fioritura la primavera successiva.

Come potare le ortensie in estate? In realtà è un falso problema, ci si dovrebbe invece chiedere "quali" ortensie vanno potate d’estate. Infatti, esiste una certa tipologia di ortensie per le quali la stagione calda è la più adatta per questo tipo di operazione. Si tratta delle ortensie che fioriscono non sui rami nuovi ma su quelli dell’anno precedente, ad esempio la Hydrangea serrata, Hydrangea macrophylla, Hydrangea quercifolia e Hydrangea aspera. Questi tipi di ortensie vanno potate quando sono fiorite, cioè d’estate. La potatura deve interessare i fiori che stanno cominciando ad appassire, e il taglio va effettuato anche qui un poco sopra la prima coppia di gemme. Normalmente queste ortensie non necessitano di tagli particolarmente decisi, tranne che per i rami secchi o ammalorati, che vanno tagliati alla base.

Le ortensie giovani

Abbiamo visto come potare le ortensie in estate (e quali) e come potare le ortensie in autunno. Vediamo ora quando NON si devono potare le ortensie. Infatti, è assolutamente consigliabile evitare di potare le ortensie giovani, prima del terzo anno di vita, e questo per evitare di rallentare troppo la crescita. È bene comunque, anche nel caso di ortensie giovani, eliminare rami secchi o troppo esili.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017