Excite

Energia elettrica, cosa vuol dire rimanere nel mercato con Enel

L’energia elettrica è un bene indispensabile e fino a qualche anno fa, Enel ne aveva il monopolio. Successivamente, la situazione è cambiata:molti altri operatori sono entrati nel mercato dell’energia elettrica, avendo più o meno successo. E’ certo che hanno avviato una politica molto aggressiva, pur di conquistare clienti. E molti le hanno seguite, soprattutto per la varietà di tariffe e per gli sconti.

La fornitura dell’energia elettrica, infatti, è rimasta a tutti gli utenti Enel, a meno che non di decidesse di passare a diverso contratto. Vi sarà capitato di ricevere telefonate promozionali da Eni, Edison e dai principali concorrenti di Enel; anche quest’ultima, tuttavia, si è ‘attrezzata’ per fornire più scelta nella tariffazione. Particolare successo ha riscosso la tariffa bioraria che permetteva un costo dell’elettricità molto agevolato dalle 19:00 al mattino. Tutti quelli che l’hanno scelta, infatti, hanno optato per far partire lavatrici, lavastoviglie e vari elettrodomestici soprattutto di notte.

Dalla loro, Eni e Edison hanno proposto sconti fissi, anch’essi di notevole successo: soprattutto Edison con la sua Edison Casa è riuscita a conquistarsi una buona fetta di mercato con il suo sconto fisso del 20%. Eni ha proposto, invece, uno sconto del 10% fisso. C’è da dire che questi sconti sono sulla componente della sola energia che pesa per il 50% della bolletta, mentre gli altri sono costi aggiuntivi; in realtà sul ‘netto’ di bolletta, lo sconto vivo è meno di quello.

foto © beliceweb.it

living.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017