Excite

Energia elettrica, poter scegliere con la liberalizzazione

L’energia elettrica è fondamentale per le nostre vite, nel senso che ci fornisce la base per poter illuminare e fare funzionare gli elettrodomestici. Essa non è più una comodità ma un bene indispensabile. Fino a pochi anni, essa era un monopolio dello stato, quindi il tariffario era uno solo e non si poteva che adattarsi. Da quando il mercato dell’energia elettrica è stato liberalizzato, molte aziende si sono poste sul mercato come fornitori di energia.

E l’energia elettrica si è rivelata un business promettente con un mercato mai in calo. Offrire prezzi vantaggiosi, secondo le esigenze che possono avere i clienti è stata una carta vincente. In realtà, il cambio di fornitore non è stato così immediato e molti si sono chiesti quali fossero i costi di tale operazione. In realtà, una campagna informativa più accurata avrebbe dovuto spiegare che, in realtà, cambiare fornitore, non voleva dire agire sulle strutture di casa, ma solo cambiare la gestione commerciale della fattura e cambiare le modalità e i tempi della fornitura.

L’energia elettrica diventa, quindi, un libero mercato. Se siete scontenti della vostra bolletta, potete verificare costi di altre tariffe proposte da altri fornitori. E’ bene sapere che per passare a un’altra azienda dovrete firmare il nuovo contratto, comunicare alla vecchia azienda il recesso, firmandolo voi stessi. Un consiglio: verificate davvero i risparmi effettivi e quelli presunti. Il calcolo del consumo dell’energia elettrica è molto complesso e per nulla scontato.

foto © topglass.it

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017