Excite

Frigorifero: il risparmio energetico

Nel settore della refrigerazione, oggi non esistono più frigoriferi in classe energetica inferiore alla C, ovvero quella categoria che consuma di più con prestazioni meno efficienti.

Attualmente i modelli migliori esistenti in commercio sono:

Classe A++ con efficienza energetica Ia>30

Classe A+ con efficienza energetica 42>Ia<=30

Clase A con efficienza energetica Ia>=42

Come caratteristiche generali, tutti i modelli di frigoriferi sono accompagnati per legge da un'etichetta energetica che riporta i dati di consumo e l'indicazione della la classe di efficienza. In questi modelli a risparmio energetico, il controllo della temperatura interna è garantita da speciali sensori che regolano il compressore in base alle condizioni esterne riducendo al minimo gli sbalzi termici, e viene mostrata da un display digitale.

Il sistema di distribuzione dell'aria nei vani avviene secondo tre modalità diverse: freddo dinamico, freddo statico, no-frost. Nei frigoriferi con freddo dinamico, una ventola distribuisce il freddo in modo omogeneo e si disattiva all'apertura della porta; nei frigoriferi con raffeddamento statico, l'aria fredda più pesante tende a scendere verso il basso, dunque i ripiani più bassi sono più freddi di quelli alti; nei modelli no-frost, infine, la distribuzione del freddo avviene in modo uniforme attraverso un sistema di canalizzazioni tra loro collegate.

In sede di acquisto, occorre tener conto che frigoriferi e congelatori consumano ben 1/4 dell'energia consumata in una abitazione, dunque la scelta di un modello a basso consumo energetico si rileva più vantaggiosa, se non necessaria, rispetto a qualsiasi altro elettrodomestico.

living.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017