Excite

Giardino zen: come arredarlo

La progettazione del giardino giapponese trae vantaggio, oltre che dalla scelta della vegetazione più adatta, da tutta una serie di arredi e complementi che concorrono ad crearne la suggestione. Protagonista indiscusso è il legno, utilizzato in particolare per delimitare lo spazio e creare percorsi: sia attraverso l'integrazione di cancelli, paraventi e bordure, che attraverso la giusta scelta di tavoli, sedie e fioriere.

Come per tutti gli arredi da giardino, devono garantire una buona resistenza agli agenti atmosferici e mantenere la bellezza nel tempo. Le varietà di legno più utilizzate sono, oltre a bamboo e teak, anche ebano e abete. Se il giardino zen comprende anche specchi acquatici, una soluzione destinata a non passare inosservata è quella di predisporre un ponticello, utile anche a raccordare diverse aree del giardino, per esempio quelle boschive alle aree più rocciose.

Immancabile la fontana zen, costituita da pozzetto in pietra popolato di piante acquatiche con fiori preferibilmente bianchi, e una canna di bamboo tagliata, possibilmente posizionata in modo tale da produrre un movimento ritmico e meditativo. Da non dimenticare sono poi le lanterne, segno tangibile e insieme ineffabile della presenza dell'uomo all'interno della natura selvaggia, e adatte anche per rendere più scenografici giardini e terrazze di ispirazione non necessariamente zen.

Più impegnativa la possibilità di inserire statue ispirate all'iconografia buddista. Gli appassionati di Feng Shui dovrebbero poi seguire alcuni suggermenti specifici nella progettazione del giardino, come quella di predisporre delle curve, o delle interruzioni – ad esempio attraverso siepi o staccionate di legno – nel vialetto o nel percorso che conduce all'ingresso della casa. Per contrastare l'accumulo di energie negative si dovrebbe inoltre fare attenzione a rimuovere con regolarità acqua stagnante e foglie secche.

(foto © Paesieimmagini)

living.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017