Excite

Lampade cucina: l'effetto-lanterna

La cucina si fa più intima: scegliendo di accogliere nel suo stile d'arredo l'atmosfera soffusa, o i colori brillanti a seconda dell'interpretazione, delle tipiche lanterne orientali. Qui, come in altri ambienti della casa, le recenti ispirazioni fornite dai designer internazionali e dai professionisti dell'illuminazione sono davvero numerose: eccone quattro di particolare appeal.

Innanzitutto l'interpretazione letterale, perlomeno a livello di materiali, la esprime la linea di lampade – articolata in soluzioni da sospensione, da tavolo e terra – creata in tamdem dalla designer italiana Francesca Lanzavecchia e dall’artista di Singapore Hunn Wai. Il progetto gioca su un intreccio di canne di bambu rivestito di carta di riso, sostenuto da piedistalli metallici in versione bicolor, bianco e arancio.

Sceglie invece il vetro, plasmato in un'unica soffiatura, la lampada Couchin di Foscarini: un nome giapponese che allude alla forma della lanterna, con cromatismi esaltati da una verniciatura che si esclude il colletto inferiore della lampada, da cui si diparte un raggio luminoso direzionato verso il basso.

Si declina in azzurro, grigio e marrone la lampada Luchsia, disegnata dallo svedese Johan Carpner e realizzata in tessuto: per l'esattezza, in tre diversi strati sovrapposti: uno bianco più interno, uno intermedio a tronco di cono e uno esterno a falda larga plissettato, orlato da una frangia a pallini. Come suggerisce il nome, Mobile Lamp, disegnata da Matali Crasset per Regenesi, si rifa all'arte dell'origami attraverso l'utilizzo della plastica rigenerata (riciclabile al 100%), creando un effetto soffuso grazie alla luce filtrata dalle aperture.

foto © Foscarini

living.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017