Excite

Loris, confessione choc del nonno: "È vero, Veronica era troppo gelosa. Quel giorno prese il..."

Veronica Panarello era capace di intendere e di volere. Lo hanno stabilito i periti del Tribunale. Il riferimento è chiaramente al giorno in cui suo figlio Loris Stival è stato ucciso. La perizia psichiatrica, che ancora non è stata depositata agli atti, costringerà quindi Veronica (unica accusata dell'omicidio) a non potersi avvalere dell'infermità mentale. La donna, dal canto suo, continua ad accusare il suocero, Andrea Stival: secondo lei, sarebbe stato l'uomo a strangolare il nipote con un cavetto usb. Andrea rigetta ovviamente ogni accusa, negando presunte relazioni sessuali con la nuora. "A volte sgridava Loris, in un’occasione mi pare che lo picchiò, in un’altra Loris arrivò con un occhio nero e Veronica mi disse che i bambini si erano colpiti a vicenda", ha raccontato l'uomo agli inquirenti.

CONTINUA A LEGGERE

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019