Excite

Tende per esterni: alcune possibili soluzioni

Spesso si lasciano montate durante tutto l'anno, ma non è cattiva abitudine smontarle per metterle al sicuro quando arriva l'inverno. Stiamo parlando delle tende da esterni, quelle che si vedono scendere dai balconi o spuntare sulle terrazze, il più delle volte verdi, gialle o arancioni.

Se ne distinguono quattro principali tipologie: a caduta, a caduta con guide, a bracci e da attico.

Le tende a caduta sono la soluzione più economica per guadagnare ombra e un po' di frescura sui nostri balconi esposti all'impietoso sole d'agosto. Vengono fissate al soffitto come alla parete secondo necessità, con o senza cassonetto di protezione.

Poco diverse dalle prime, le guide delle tende del secondo tipo garantiscono maggiore stabilità. Senza il rischio che la tenda finisca divelta e contorta al primo temporale d'estate o la struttura ceda alle frustate di un vento traditore e assassino.

Traditore perché colpisce quando nessuno è in casa; assassino perché accoppa l'innocente passante.

In questo senso, ancora meglio è la terza tipologia di tenda, quella a bracci. Queste sono le consigliate per balconi e verande esposte a vento e pioggie. Inoltre, le tende a bracci hanno la possibilità di motorizzazione con telecomando e centralina sole-vento.

Le tende da attico sono invece funzionali a ombre ampie per terrazze spaziose. Neppure troppo care in sé, ammesso e concesso che ci si possa permettere l'attico!

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017